LA CADUTA SULLE SCALE DEL CONDOMINIO VA SEMPRE PUNTUALMENTE PROVATA

Corte di Cassazione sentenza n. 25856/2017


Il condominio non è tenuto a risarcire, la caduta del condomino avvenuta in conseguenza dell’immondizia lasciata sulle scale.

La Cassazione con la sentenza in commento, ha voluto specificare i punti fermi per porre un argine  alle domande infondate  e ha, in primis, richiamato una serie di principi di diritto:
• è onere del danneggiato provare, puntualmente, il fatto dannoso ed il nesso causale tra la cosa in custodia ed il danno e, ove la prima sia inerte e priva di intrinseca pericolosità , dimostrare che lo stato dei luoghi presentava un’obiettiva situazione di pericolosità, tale da rendere eccessivamente  probabile, se non inevitabile, il verificarsi del secondo, nonché di aver tenuto un comportamento di cautela adeguato  alla situazione di rischio percepibile con l’ordinaria diligenza (ordinanza 11526/2017);
• qualora venisse accertato, anche in relazione alla mancanza di intrinseca pericolosità della cosa oggetto di custodia, che la situazione di possibile pericolo, sarebbe stata evitabile  mediante l’adozione di un comportamento diligente, da parte dello stesso danneggiato, deve escludersi che il danno sia stato causato  dalla cosa e ritenersi , di contro , integrato il caso fortuito (sentenze 12895/2016 e 23584/2013), il cui apprezzamento di fatto riservata al giudice di merito (ordinanza 1001472017 e sentenza 6753/2004).

Nel caso trattato dalla sentenza 25856/2017 la Cassazione ha condiviso il giudizio di merito per cui, la ricorrente era caduta scivolando sui residui di un sacchetto di immondizia che era stato lasciato abbandonato sulle scale condominiali. Tale situazione era un evento eccezionale ed estraneo alla sfera di custodia dell’amministratore, imprevedibile e non evitabile e tale da configurare il caso fortuito. Tale unica causa di danno era sufficiente ad integrare la prova liberatoria del caso fortuito richiesta dall’articolo 2051 del Codice civile. La Corte affermava inoltre che l’accertamento della esclusione del nesso causale tra la cosa in custodia e l’evento lesivo esclude anche la possibilità di affermare una responsabilità per colpa dell’amministratore ai sensi dell’articolo2043 del Codice civile .

Inoltre la Corte ha respinto la tesi della responsabilità solidale dei condomini , escludendo che l’evento lesivo sia derivato causalmente da beni comuni nella custodia dell’amministratore e ha affermato che l’eventuale responsabilità per colpa di un singolo condomino (non individuata) non sarebbe in alcun modo idonea a determinare la responsabilità del condominio o degli altri condomini.

Previous DIRITTO DEL LAVORO RICONOSCIUTO IL DANNO DA “STRAINING”
Next Il termine per impugnare la delibera dell’assemblea condominiale decorre da capo dal deposito del verbale di mediazione presso la segreteria dell’organismo

You might also like