La mediazione disposta dal giudice è condizione di procedibilità dell’azione

Tribunale di Gela sentenza del 15.02.2018


Il giudice può disporre che le parti intraprendano un tentativo di mediazione in maniera discrezionale e nel caso in cui intraveda la possibilità di addivenire ad una intesa bonaria tra le parti, motivo per cui  automaticamente, una volta disposto tale tentativo, il suo corretto espletamento è condizione di procedibilità dell’azione giudiziale. Infatti, il termine “facoltà” contenuto nell’art. 5.2 del D.lgs. n.28/2010, è riferito esclusivamente ai poteri esercitabili dal giudice e non al tentativo di mediazione. La mediazione deve essere svolta obbligatoriamente.

 

Previous ANCHE DOPO LA SUA SCADENZA SI PUO' RINUNCIARE AL TERMINE ESSENZIALE
Next IL RITARDO DEL TRENO DETERMINA SOLO IL RISARCIMENTO DANNI PATRIMONIALI

You might also like